Annuncio

Per ampliamento organico si ricercano guide turistiche riconosciute dalla Regione Campania per gruppi in visita ai Campi Flegrei.
E' gradita la conoscenza di lingue straniere.
Inviare curriculum al fax 0810103083 o info@ulixes.it

Bicentenario dell’Osservatorio Astronomico di Capodimonte

Venerdì, 25 Maggio, 2012 scritto da Simona Pasquale

Ufficio Stampa Sigrav

Bicentenario dell’Osservatorio Astronomico di Capodimonte.

È stata inaugurata giovedì 24 maggio e resterà aperta fino al 28 settembre, presso l’Archivio di Stato di Napoli, la mostra Il Tempio di Urania. Patrocinata dal Presidente della Repubblica e promossa dall’Osservatorio Astronomico di Capodimonte, in collaborazione con le strutture omologhe di Brera e Palermo, la Società Napoletana di Storia Patria, la Sopraintendenza Archeologica ed il Museo di San Martino, è inserita nell’ambito delle attività per le celebrazioni del bicentenario della fondazione dell’Osservatorio, cominciate nel marzo di quest’anno.

Filo conduttore, sviluppato dai curatori, Mauro Gargano, Emilia Olostro Cirella e dall’attuale direttore Massimo Della Valle, attraverso ottanta reperti, fra strumenti, documenti pubblici, lettere private e ritratti, il lungo percorso storico e culturale che ha portato, in epoca napoleonica, alla nascita di un moderno centro di studi. Nato dal progetto dell’architetto Stefano Gasse, che trasformò i locali del soppresso monastero delle monache di San Gaudioso, dando vita ad un un’architettura ‘orientata’ alle esigenze di una scienza in evoluzione, sul modello dell’Osservatorio di Parigi, ereditò la tradizione culturale, intrapresa a Napoli nella metà del Settecento, sotto Carlo di Borbone che continuerà anche in seguito, portando Napoli ed essere, in età post unitaria, l’unica città d’Italia con tre centri d’osservazione, uno dei quali, dedicato alla meteorologia. Dal Tempio di Urania, alla specola astronomica, in questi intensi duecento anni, l’Osservatorio Astronomico di Capodimonte è sempre stato al centro di importanti scoperte e missioni, confermandosi uno tra i più importanti centri per la ricerca astronomica dell’intero paese ed un’eccellenza riconosciuta a livello internazionale. Insieme ad altre diciassette strutture nazionali, costituisce l’INAF – Istituto Nazionale di Astrofisica, il principale ente italiano per la ricerca astronomica, impegnato nei campi della moderna astrofisica, che spaziano dallo studio del Sole a quello delle galassie, dalla progettazione di telescopi alla costruzione di strumentazione per le future missioni spaziali, nel quale lavorano quaranta ricercatori, trenta tecnici e venti borsisti. Le celebrazioni continueranno fino a marzo 2013, con un evento al mese. Fra i principali eventi segnaliamo il 28 giugno la conferenza dell’ex-direttore Massimo Capaccioli dedicato all’Astronomia ai tempi di Murat, il congresso nazionale, dal 20 al 22 settembre dedicato ai Gamma Ray Burst e dal 22 al 24 ottobre, il convegno biennale della SIGRAV – Società Italiana di Relatività e Fisica della Gravitazione, nel corso del quale, ci sarà un’intera giornata, dedicata alla divulgazione dei più affascinanti fenomeni dell’universo ed alle loro ricadute industriali, in collaborazione con le scuole della Campania.

Categoria: Senza categoria |

Nessun commento »

Non c’è ancora nessun commento.

RSS feed dei commenti a questo articolo. TrackBack URL

Lascia un commento

Archivio

Categorie

Ricerca



Sponsor


Minicrociere nel golfo di Napoli a bordo di motonavi e velieri. Noleggi esclusivi per eventi privati.
Info & Prenotazioni:
via e-mail
info@minicrociere.net
telefonicamente
3331816817 - 0813040518
info www.minicrociere.net